http://www.gosurf.info?p=5805
per informazioni: Go World S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
Tel. -

Soggiorno surf in Polinesia: vola a Tuamotu!

Se la parola atollo ti riporta alla mente immagini delle Maldive, forse sarà una sorpresa scoprire che la maggior parte dei 400 atolli nel mondo sono localizzati nel Pacifico. Vola con noi a Tuamotu per scoprire tutti i migliori spot per il surf in Polinesia!

Tuamotu, che copre un territorio dalla grandezza pari a quella dell’Europa Occidentale, è lungo 1800km, largo 600km: indubbiamente è il principale gruppo con 78 isole, di cui 77 sono atolli, con l’eccezione di Makatea, un’isola di corallo emersa. Queste isole sono anche chiamate “The Labyrinth o The Arcipelago of the Rough Sea” e non sono collegate a causa della difficoltà di navigazione sulle sue acque locali. L’aspetto esotico di questi atolli è collegato alla palma che ha iniziato a crescere solo dal 1860.

Mururoa e Fangataufa furono i siti degli ignobili test nucleari del governo francese, nell’angolo SE di Tuamotu. Nel lato est ci sono gli atolli più giovani, ma sono gli atolli più vecchi che contengono passaggi tra il reef verso la laguna interna. Fuori dai 77 atolli, solo 32 hanno almeno un passaggio (solo 10 ne hanno numerosi); e la maggior parte di loro sono stati trovati nell’angolo NW del territorio.

L’atollo principale è Rangiroa, 75km di lunghezza, che ne fanno il secondo più grande atollo dopo Kwajalein  nella Micronesia. Il passaggio è una risorsa cruciale per i trasporti, la pesca ed ora, il surf. E’ probabile che i primi surfisti arrivarono con una barca a vela da Tahiti negli anni ’80. Rispetto alle zone dei grandi viaggi con le barche come Mentawai o le Maldive, Tuamotu ha mari più agitati e la distanza tra i vari spot è più elevata, cosicchè è essenziale una veloce e lussuosa barca per raggiungere gli spot in modo breve e confortevole. Malgrado la maggior parte degli spot lavorino con swell da N, ci sono anche alcuni spot esposti al SW che lavorano abbastanza costantemente. La maggioranza delle swell da N sono pulite, di mezza taglia e solitamente destre; le swells da S invece producono generalmente sinistre più intense. Solitamente gli spot sono adatti anche per i surfisti con meno esperienza, in quanto ogni spot ha una zona inside in cui le onde rompono con meno potenza rispetto alla bowl. Si dovrebbe notare che a Rangiroa la corrente nel canale raggiunge una media dei 5km/h e scorre nella laguna il 35% del tempo, mentre la corrente che esce è il 55%. Nonostante i reef passes siano gli spot principali, è anche possibile surfare i finti canali, gli angoli dei reef, che sono meno esposti alle raffiche dei venti da SE. Questa è probabilmente l’ultima importante frontiera per i viaggi in barca; speriamo che gli operatori di barche nella zona aiutino a preservare questo eccezionale ambiente oceanico. The Crossing fu mostrato la prima volta nel 1999 segnando epiche swell e successivamente nel 2002 i migliori pro colpirono Tuamotu e fu pubblicato il Super Trip nel Surfing nel 2002. In termini di operazione, Archipels di Moorea fece la prima nave commerciale per il surf negli anni ’90. I cacciatori di waves lanciarono la Cascade nel 2002 insieme con il Thaitiano Bluwater Dream coinvolgendo l’australiano Chris O’Callanghan, che è il direttore della competizione del Teahupoo Pro e Moana David, il fratello di Veteas e il capo Moana Surf Tours.

Visitate il nostro sito per scoprire tutte le proposte dei nostri brand e tour operator www.goworld.it!

Non esitate a contattarci per qualsiasi informazione!

Quote per persona, a partire da:

PartenzaDoppia
Dal 1 ottobre 2017 al 31 dicembre 2018€ 120

Note

E’ una destinazione ottima tutto l’anno anche se le swell settentrionali forniscono un surf di qualità superiore a quelle meridionali. La stagione delle swell da N và da Novembre a Aprile; queste swell sono generate da giganti sistemi di bassa pressione nel Nord del Pacifico, che arrivano a Tuamotu 3-5 giorni dopo rispetto alle Hawaii. Nonostante la grande distanza che impiegano, arrivano con grande potenza, rilasciando onde da 1-2m fino a 2.5-3m . Queste onde durano circa 2-3giorni. La stagione delle swell da S dura la maggior parte dell’anno, con un picco nei mesi di Maggio- Settembre, ma non è raro averle anche poco prima o dopo la stagione da N. Esse possono variare da SW fino SE, e possono durare per molti giorni. Sono comuni 1-2m di swell cosi come 2.5-3 m. Swell più grandi,fino ai 6m sono avvenute nelle passate stagioni con grande infrequenza. Come tutte le Isole del Pacifico del Sud, il surf può diventare molto incostante. Dato che le isole sono piatte e localizzate giusto sopra il belt anticiclonico, i venti da E-SE possono essere dannatamente forti, Gennaio- Marzo sono i mesi con i venti più deboli mente Luglio- Settembre i più ventosi. Le maree possono variare di 0.3m max ma le forti correnti in entrata e in uscita dai canali dei reef, possono alterare la profondità dell’acqua.

Come arrivarci: Prenota un volo da Papeete (PPT) con Air NZ, Air Thaiti Nui da LAX o Hawaiian da Honolulu, o Air France da Parigi.

Come muoversi: I trasporti con la DIY non sono la sola opzione in quanto i reef passes non sono vicini ai moli e areoporti. Prenota un viaggio con la barca “The Cascade”.

Alloggi e Cibo: Rangiroa è di gran lunga l’atollo più visitato, seguito da Manihi, Tikehau e Pakarava. Un alloggio a terra è inutile. Un pernottamento nelle Cascade è come un’hotel a 4 stelle con tutte le moderne attrezzature, 3 pasti al giorno e birra Hinano gratuita. Aspettati molto pesce e cucina francese.

Il clima: C’è meno differenza tra la stagione delle piogge e quella secca rispetto a Thaiti in quanto non ci sono le montagne che radunano le nuvole. C’è più pioggia nell’estate australe che provoca corti ma pesanti temporali che diminuiscono in inverno. E’ caldo tutto l’anno ma il periodo tra Maggio e Ottobre è il più fresco ( minimo21°C in Agosto) ed il più secco. Ci sono più di 3000 hr annuali di sole. Tuamotu conta sulla pioggia per la provvista di acqua quindi non sprecarla. Le temperature dell’acqua sono di 27gradi ed è necessario solo un leggero corpetto di neoprene per proteggervi dai tagli da reef e dai venti rafficati.

Natura e Cultura: Siamo nel mezzo di un immenso oceano. Canna da pesca e canoe a bordo della Cascade. Industrie di Perle (nere) e trappole per pesci sono la principale economia.

Pericoli e fastidi: Gli squali sono ovunque. E’ possibile la comunicazione attraverso il telefono ma costa 5$ al minuto.

Consigli pratici: Tra la quiver consigliata dovrebbero esserci 4 board, da 6’5” fino a 7’4” con poppe pin tails e shape simili ai gun. Porta calcari per il reef, un caschetto, un kit per riparazione, tropical wax e pantaloncini corti.

Tasso di cambio  1 EUR =  1,08 USD; 1€ = 1,51 NZD; 1 EUR = 1,41 AUD

Variazioni dei cambi con oscillazioni maggiori del 3% comporteranno un adeguamento dei costi. Verranno comunicati entro i 20 giorni dalla partenza.


La quota non comprende

  • Quota volo indicativa su Tahiti € 1.030
  • Tasse Aeroportuali soggette a variazioni € 590
  • Quota di iscrizione € 95
Richiedi maggiori informazioni




Espressione del consenso al trattamento dei dati personali
Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati da questa informativa, ai sensi e per gli effetti dell'art. 13 del D.lgs. 196/03.

Cerca l'agenzia più vicina a te

Altri viaggi che potrebbero interessarti
vacanza surf in Polinesia

Durata: 8 giorni / 6 notti

da € 210 - Voli esclusi

surf a Hong Kong

Durata: 8 giorni / 6 notti

da € 170 - Voli esclusi

surf in Sri Lanka

Durata: 11 giorni / 10 notti

da € 2.790 - Voli inclusi

Surf sull'isola di Pasqua

Durata: 9 giorni / 6 notti

da € 70 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Sei un appassionato di Surf? Non perderti i “FISW surf games”, l’evento è in corso in Sardegna… e i campioni stanno già facendo i numeri, leggi qui!

Go World S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02763050420 R.E.A. AN 213201
Capitale Sociale € 10.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su